• Twitter
  • Facebook
  • Rss
  • Google

AVVISO PUBBLICO SPERIMENTALE “SPIC – Sportello Impresa Formazione Continua” - Periodo: 16/03/2016 – 01/05/2019

Sul BUR Basilicata del 16/03/2016, è stato pubblicato l'Avviso Pubblico Sperimentale "SPIC - Sportello Impresa Formazione Continua". Queste le caratteristiche principali del bando.

FINALITA’/OGGETTO- (secondo l’ART. 2)

  1. Sostenere la capacità competitiva dei sistemi produttivi regionali e l’adeguamento della professionalità dei lavoratori attraverso la concessione di aiuti alle imprese interessate alla realizzazione di attività di formazione continua (PO FSE 2014-2020 Asse III).
  2. La presentazione dei progetti avviene secondo la modalità sperimentale denominata “SPIC – Sportello Impresa Formazione continua”, rivolta al sostegno di progetti cantierabili da parte del proponente nel termine massimo di 15 giorni dalla data di comunicazione della loro approvazione.

 

REGIME DI AIUTO – (secondo l’ART. 3)

I finanziamenti erogati si configurano come aiuti di stato e sono regolati dalle normative comunitarie, nazionali e regionali. L’impresa interessata può optare tra due regimi di aiuto:

1. Reg. UE n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli artt.107 e108 del Trattato CE agli aiuti di importanza minore “de minimis” (€ 200.000 nell’arco di tre esercizi finanziari)

2. Reg. UE n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli artt. 107 e 108 del Trattato, Sez. 5 art. 31 “aiuti alla formazione”.

 

Sono escluse dal Regime de minimis le imprese appartenenti ai settori esclusi  dal Regolamento pesca e acquacoltura e della produzione primaria dei prodotti agricolo di cui all’allegato I del Trattato.

In caso di aiuti in esenzione i soggetti proponenti devono obbligatoriamente contribuire al costo del progetto con una quota di cofinanziamento  privato  nella misura del 50% dei costi ammissibili. L’intensità di aiuto può essere aumentata al 70% nei seguenti casi:

- di 10 punti percentuali se la formazione è destinata a lavoratori svantaggiati (art. 2 punto 4 del Regolamento generale di esenzione) o disabili;

- di 10 punti percentuali per gli aiuti concessi alle medie imprese e di 20 punti percentuali per gli aiuti concessi alle piccole imprese.

 

BENEFICIARI e DESTINATARI – (secondo l’ART. 4)

Soggetti Beneficiari

Le Imprese che hanno sede e/o almeno una unità locale allocata sul territorio della Regione Basilicata, in possesso dei requisiti di cui all’art 4 del bando.

Destinatari della formazione

a)      Lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato

b)      Lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato e i titolari di contratti di lavoro atipici alle dirette dipendenze dell’azienda interessata a condizione che i rispettivi contratti di lavoro conservino vigenza per tutto il periodo di durata delle attività formative anche con forme diverse dovute alla legge di riforma del lavoro (Legge 10 dicembre 2014 n. 183)

c)      Soci lavoratori di società cooperative iscritti a libro paga

d)     I titolari di impresa o soci/titolari di studi professionali associati, ove direttamente impegnati nel processo produttivo.

Sono esclusi i contratti di apprendistato per lo specifico dei contenuti ad esso propri.

 

AZIONI FINANZIABILI – (secondo l’ART. 5)

a)      formazione a progetto, intesa come i) attività rivolta a lavoratori e/o titolari della medesima impresa o ii) attività comune a lavoratori e/o titolari di più imprese, definita in entrambi i casi a partire dalle caratteristiche del contesto di intervento.

 

CARATTERISTICHE DELLA FORMAZIONE FINANZIABILE – (secondo l’ART. 6)  

1.      I progetti sono costituiti ciascuno da un singolo intervento di formazione aziendale o interaziendale, articolato in una o più edizioni della medesima durata.

2.      Per accedere al finanziamento i progetti devono obbligatoriamente presentare le seguenti caratteristiche:

-         essere costituiti da un unico intervento, omogeneo per obiettivi, contenuti, ecc.

-          disporre dei requisiti di immediata cantierabilità, intesa come indicazione vincolante, nei termini di cui all’art. 9 del presente avviso di : nominativi dei partecipanti, nominativi dei docenti, coordinate del soggetto eventualmente delegato, data di avvio e calendarizzazione delle attività in aula. Tali informazioni costituiscono riferimento per la valutazione di ammissibilità.

3.      L’intervento si sviluppa attraverso percorsi di apprendimento mediante attività d’aula e di  laboratorio, periodi stage in coerenza con gli obiettivi. Le attività formative sui posti di lavoro sono autorizzate nel limite max del 40% delle ore previste e devono configurarsi come esercitazioni applicative assistite da tutor o docenti esperti finalizzate all’apprendimento di nuove metodologie e procedure di lavoro.

4.      La durata di ogni intervento formativo non può essere inferiore alle 24 ore e non può eccedere le 90 ore. Ogni singolo intervento formativo deve coinvolgere un numero di destinatari per ciascuna edizione compreso tra un minimo di 5 e un max di 15 allievi; massimo 3 edizioni; le ore destinate alle verifiche intermedie e/o agli esami finali non concorrono al monte ore complessivo del progetto.

5.      Le attività formative devono obbligatoriamente essere concluse, al minimo, dal rilascio di attestato di frequenza semplice, redatto in conformità alle norme regionali.

6.      In applicazione dei principi della semplificazione amministrativa in vigore, i prgetti saranno rendicontati sulla base degli indicatori fisici di effettiva realizzazione delle attività. sono a tal fine definiti i seguenti parametri:

- realizzazione di oltre l’80% del monte ore totale: finanziamento integrale

- realizzazione di oltre il 70% e fino all’80% del monte ore totale: finanziamento pari al 90%

- realizzazione del 50% e fino al 60%: finanziamento pari al 70%

- realizzazione inferiore al 50%: revoca del finanziamento.

Ciascuno degli allievi deve partecipare ad almeno il 50% delle ore di formazione perché le stesse possano concorrere al computo del monte ore totale del progetto formativo ed essere rendicontate.

 

CHI PUO’ PRESENTARE ED ATTUARE I PROGETTI – (secondo l’ART.7)

1. I progetti formativi possono essere presentati da:

  1. Impresa beneficiaria singola o associata in ATI/ATS nonché da studi professionali associati.
  2. Organismi di formazione accreditati, su espresso affidamento di incarico dell’impresa/e.

2. I progetti possono essere attuati:

     a. dall’impresa beneficiaria attraverso le risorse organizzative a ciò necessarie, in parte da un Organismo di Formazione facendo ricorso a delega (limite del 30% del costo complessivo);

     b. integralmente da un Organismo di formazione.

 

 PRIORITA’- (secondo l’ART. 8)

1. La valutazione di merito dei progetti ammissibili, presentati secondo la procedura a sportello assegna una specifica priorità di finanziamento ove l’impresa beneficiaria dimostri di contribuire alla strategia di sviluppo definita dagli strumenti di programmazione regionali richiamati nei riferimenti normativi e programmatici di cui all’art. 1 del presenta Avviso.

2. sono inoltre prioritari ii progetti che nella loro articolazione facciano riferimento a una o più unità di competenza di cui al repertorio degli standard professionali della regione; prevedano in questo caso l’individuazione degli apprendimenti dei partecipanti di cui all’art. 6 comma 5 del presente Avviso.

N.B. Tale priorità al momento è sospesa.

Sono considerate inoltre priorità

a. quando si sia in presenza di azioni formative conseguenti ad interventi sostenuti dal FESR o da    altri Fondi ad eccezione del FSE

b. quando si dimostra che l’intervento è una prosecuzione o integrazione di altre attività finanziate   con Fondi Interprofessionali.

 

SCADENZE DI SPORTELLO- (secondo l’ART. 12)

1. TRANCHE: 15/04/2016

2. TRANCHE: 15/06/2016

3. TRANCHE: 01/10/2016

4. TRANCHE: 31/01/2017

5. TRANCHE: 15/06/2017

6. TRANCHE: 01/10/2017

7. TRANCHE: 31/01/2018

8. TRANCHE: 15/06/2018

9. TRANCHE: 01/10/2018

10. TRANCHE: 31/01/2019

 

11. TRANCHE: 15/06/2019